Cadono calcinacci dalla facciata condominiale in cemento armato? Ecco cosa fare

Abiti in un condominio con la facciata in cemento armato? Forse non sai che questo materiale ha una durata limitata nel tempo e che una volta ammalorato può causare la caduta di calcinacci, cornicioni e oggetti.

Se questo dovesse accadere e se qualcuno dovesse farsi male, su chi ricadrebbe la responsabilità? Quali segnali possono indicare che il calcestruzzo è deteriorato?

Vediamo insieme quali sono i fattori che provocano il degrado del calcestruzzo o cemento armato, quali segnali non sottovalutare se la facciata del tuo condominio è rivestita con questo materiale e come muoverti per evitare che la situazione degeneri.

Caduta Calcinacci Facciata Cemento Armato

Balconi e cornicioni pericolanti in condominio: le responsabilità

Secondo la legge, se cadono calcinacci, pezzi di cornicione, frammenti di balconi dalla facciata condominiale e se questi danneggiano un veicolo o, peggio, se feriscono una persona, la responsabilità per danni a terzi è di tutto il condominio e devono pagare i condomini in proporzione ai rispettivi millesimi.

Se il condominio non è coperto da un’assicurazione e se non ha abbastanza soldi per pagare chi è stato danneggiato, quest’ultimo può pignorare i beni dei condomini in proporzione al debito.

La facciata in cemento armato dell’edificio in cui abiti è molto danneggiata?
È nel tuo interesse porvi rimedio il prima possibile.

Il cemento o calcestruzzo armato, infatti, non è eterno e va ripristinato con regolarità.

Il calcestruzzo armato non ha una durata infinita e ha bisogno di regolare manutenzione

Durante il boom economico, tra gli anni ’50 e ’70, moltissimi fabbricati e strutture sono stati costruiti in cemento armato di scarsa qualità e quindi destinato a degradarsi precocemente. Inoltre, l’aumento delle piogge acide, degli inquinanti, dei sali disgelanti e l’intensità dei fenomeni atmosferici hanno ulteriormente messo a dura prova la tenuta di questo materiale, tanto che oggi, ad alcuni decenni di distanza, gli interventi di manutenzione sono all’ordine del giorno.

Negli anni la legge ha imposto stringenti requisiti di durabilità nella progettazione del calcestruzzo, che dovrebbe durare almeno 50 anni nel caso di edifici agricoli, abitazioni, uffici, cinema, teatri, industrie e almeno 100 anni se si tratta di costruzioni pubbliche o strategiche.

Perciò, anche se i calcestruzzi moderni sono di qualità superiore, il loro degrado è inevitabile e resta il problema di riportare in sicurezza (cioè ristrutturare senza demolire e ricostruire) le facciate e i coperti di molti edifici costruiti 60 anni fa.

Che sia nuovo o datato, quindi, è indispensabile mantenere il cemento armato in buona salute con la manutenzione ordinaria.

Ristrutturazione Facciata Grattacielo Bologna Ponteggi Tecnocem

LEGGI IL CASO: Ricostruzione della facciata in calcestruzzo del Condominio La Meridiana Grattacielo di Bologna

Il calcestruzzo che rivestiva la facciata del Condominio “La Meridiana” di Bologna era gravemente danneggiato, con distacchi di ampie porzioni di materiali, tanto da costituire un pericolo per i passanti e i mezzi che circolavano nel suo perimetro.

I 5 segnali che non dovresti sottovalutare se la facciata del tuo condominio è in calcestruzzo

Abbiamo visto, quindi, che il calcestruzzo armato non è eterno, ma quali sono i fattori che causano il suo degrado? E quali sono i segnali che possono farti capire che la caduta di calcinacci dai balconi e dai cornicioni potrebbe verificarsi molto presto?

Innanzitutto cerchiamo di capire quali sono le principali cause del degrado del cemento armato.

Acqua, umidità, gas, agenti inquinanti: la lenta erosione del calcestruzzo

I danni al calcestruzzo sono sempre innescati dall’acqua o dall’umidità, che penetrano nel materiale e lo danneggiano, ai gas e alle sostanze aggressive presenti nell’atmosfera. Possono anche essere dovuti a carichi eccessivi, vibrazioni, errori di progettazione, incendi, terremoti, sbalzi termici, come il fenomeno del gelo-disgelo, che disgrega il materiale.

La legge individua 5 tipi di azioni aggressive in grado di danneggiare questo materiale:

  1. carbonatazione prodotta dall’anidride carbonica
  2. corrosione dei ferri di armatura causata dai cloruri non di mare, quelli usati, per esempio, nelle piscine
  3. corrosione dei ferri di armatura causata dai cloruri che si trovano nell’acqua di mare
  4. gelo-disgelo
  5. attacchi chimici causati dai solfati che si trovano nel terreno

Quando preoccuparsi?

Certo, la caduta dei calcinacci è il segnale più eclatante e urgente, ma ci sono 5 indicatori che possono farti capire che il calcestruzzo del tuo condominio va ripristinato al più presto.

I 5 segnali che anticipano la caduta dei calcinacci

  1. Macchie di ruggine in superficie
  2. Copriferro espulso (in parole povere, lo strato che protegge i ferri d’armatura che sostengono la struttura si assottiglia troppo e non è più in grado di proteggere ferri e calcestruzzo dalla corrosione)
  3. Ferri d’armatura esposti e corrosi (i ferri d’armatura che sostengono la struttura sono ben visibili e arrugginiti)
  4. Fessure
  5. Porzioni di calcestruzzo disgregate
Riconstruzione Facciata Calcestruzzo Tecnocem

Il cemento armato della facciata è ammalorato: cosa fare?

La facciata in calcestruzzo del tuo condominio è ammalorata. I segnali sono evidenti e devi prendere in mano la situazione al più presto, ma non sai cosa fare.

Ecco alcuni consigli.

Innanzitutto devi avvisare l’amministratore perché convochi un’assemblea, ma se gli altri condomini, una volta messi di fronte all’urgenza, evitano di affrontare il problema, è meglio non perdere tempo e denunciare lo stato di degrado alle autorità giudiziarie. Così i tempi per la ristrutturazione dovrebbero ridursi.

Una volta stabilito che i lavori sono necessari, potrete richiedere un computo metrico e scegliere l’impresa edile cui affidare il rifacimento della facciata condominiale.

Quali lavori di ripristino sono previsti normalmente?
Qui trovi una lista dei principali:

  • Rimozione delle parti di calcestruzzo ammalorato e dell’eventuale cappotto
  • Battitura delle superfici di calcestruzzo originario
  • Ripristino e integrazione del ferro di armatura
  • Ricostituzione volumetrica del calcestruzzo per ripristinare le parti mancanti
  • Trattamento con malta cementizia impermeabile bicomponente, ad elevata resa estetica, delle strutture di calcestruzzo consolidate e dei tamponamenti di facciata
  • Colorazione finale e rasatura
Ristrutturazione Tecnocem Condominio Via Lorenzetti Ponteggio

LEGGI IL CASO: Ricostruzione della facciata in calcestruzzo del Condominio Steccone in via Lorenzetti dal numero 1 al numero 17

Nella periferia ad Ovest di Bologna, verso Casalecchio di Reno, è presente dal 1968 il Condominio Steccone.

Quando ci è stato commissionato il lavoro, la facciata in calcestruzzo dell’edificio era ammalorata in diversi punti, tanto che alcune porzioni si erano ormai staccate ed altre erano in procinto di precipitare verso il basso: un pericolo per i condomini ed i passanti. Inoltre i ferri d’armatura erano esposti agli agenti atmosferici e si stavano progressivamente ossidando.

CADONO CALCINACCI, FRAMMENTI DI BALCONI E CORNICIONI DALLA FACCIATA DEL TUO CONDOMINIO?

Siamo specializzati nella ristrutturazione di condomini. Se hai un capitolato e cerchi un’impresa affidabile ed esperta cui commissionare i lavori di rifacimento della facciata, possiamo aiutarti.